Spese di vitto e alloggio in trasferta di lavoro

frais d'hébergement note de frais

Sommario

Un dipendente in trasferta sostiene abitualmente dei costi per lo svolgimento dell’attività professionale lontano dalla sede di lavoro stabilita dal contratto di assunzione. Le spese di vitto e alloggio rientrano in questa categoria e vengono definite spese di trasferta assieme ai costi di trasporto.

 

La normativa italiana delinea un quadro preciso in termini contributivi e di deducibilità fiscale. Le spese in questione non sono subordinate all’imposta sul reddito se la trasferta avviene oltre il territorio comunale dove ha sede l’azienda. Il datore di lavoro è tenuto a restare aggiornato sulle modalità di gestione, rimborso e compilazione delle note spese in quanto taluni costi possono concorrere alla formazione del reddito d’impresa.

 

Spese di vitto e alloggio: definizione e contesto

 

Sul piano contabile, la trasferta del dipendente si compone principalmente di costi di trasporto, spese di vitto e alloggio. Ai fini del rimborso devono essere incluse in una nota spese aziendale. Vanno distinte in base al contesto in cui maturano, ossia entro i confini comunali o all’esterno. Ecco in dettaglio le loro caratteristiche principali.

 

  • Vitto e alloggio. Si tratta dei costi di ristorazione e pernotto presso strutture ricettive. Necessitano di giustificativi fiscali come fatture e scontrini. Riguardano hotel, pensioni, B&B, ristoranti e tutti i servizi assimilabili alle categorie menzionate.
  • In caso di trasferte lavorative entro il territorio comunale, le spese concorrono alla formazione del reddito percepito dal lavoratore ad eccezione dei costi di trasporto, se documentati con biglietti e ricevute.
  • In caso di trasferte oltre il territorio comunale, le spese rimborsate non concorrono alla costituzione del reddito: i costi di trasporto sono sempre deducibili mentre le spese di vitto e alloggio solo entro certi limiti.

 

Spese di vitto e alloggio: modalità di gestione 

 

Rimborso analitico o a piè di lista, forfettario e misto. Le spese di vitto e alloggio possono essere gestite attraverso tre differenti procedure contabili ugualmente valide sul piano fiscale. Qualunque sia il sistema adottato, è fondamentale utilizzare un modello di nota spese che contempli le voci standard.

 

  • Rimborso analitico o a piè di lista. Le spese di vitto e alloggio vengono contabilizzate singolarmente assieme ai giustificativi fiscali e riguardano i costi di ristorazione e pernotto durante la trasferta. Per la normativa fiscale italiana non concorrono alla formazione del reddito fuori dal territorio comunale. Sono tutte fiscalmente deducibili e non soggette all’imposta sul reddito, indipendentemente che siano sostenute in Italia o all’estero.
  • Rimborso forfettario. L’azienda riconosce al dipendente un forfait quotidiano esente dai giustificativi di spesa per vitto e alloggio. Il forfait si calcola in base al reddito percepito dal lavoratore, tramite negoziazione tra azienda e dipendente oppure può essere estrapolato dai contratti collettivi di lavoro (CCNL). La diaria non contribuisce al reddito del dipendente e risulta deducibile.
  • Rimborso misto. Tramite sistema analitico e forfettario. Il forfait si riduce di un terzo in caso di spese di vitto o alloggio a piè di lista e di due terzi in caso di rimborso contemporaneo di entrambe. Le differenze di trattamento fiscale, in Italia e all’estero, sono identiche ai due metodi precedenti di rimborso con nota spese.

 

Il seguente link sulle modalità di gestione delle note spese rappresenta una risorsa affidabile per orientarsi sul piano operativo.

 

Conclusioni 

 

Le spese di vitto e alloggio del dipendente in trasferta sono disciplinate per legge sul piano contributivo e fiscale. La contabilità delle note spese è quindi un processo di amministrazione aziendale da eseguire correttamente perché impatta sul reddito d’impresa e del lavoratore. Automazione e digitalizzazione rappresentano quindi gli step fondamentali per la gestione ottimale dei costi in esterna del dipendente.

 

La carta corporate di Mooncard per spese professionali abilita l’inserimento automatico delle spese in formato digitale, l’archiviazione con valore probatorio delle ricevute cartacee e il perfezionamento complessivo di tutte le procedure gestionali.
Richiedine subito una, oppure prenota una dimostrazione con i nostri esperti per trovare la soluzione personalizzata più adatta alla tua azienda. Sfrutta tutti i vantaggi delle nuove carte di credito intelligenti firmate Mooncard.

 

Per concludere: 3 punti chiave da ricordare 

 

  • Le spese di vitto e alloggio sono costi di ristorazione e pernotto presso strutture ricettive che necessitano di giustificativi fiscali come fatture e scontrini.
  • Vengono gestite, contabilizzate e risarcite al dipendente tramite rimborso analitico, sistema forfettario o misto.
  • Il contesto territoriale in cui maturano, comunale o meno, concorre o meno alla composizione del reddito del dipendente.